Implantologia dentale: i costi
Un argomento molto attuale

Implantologia dentale in Internet

1. Nei nostri studi IL COSTO DEGLI IMPIANTI : A PARTIRE DA 700€

2. Vengono applicati in modo rigoroso i tariffari agevolati dalle ASSICURAZIONI E DEI FONDI SANITARI, con cui i nostri centri sono convenzionati in modo Diretto secondogli specifici nomenclatori (Fasi,Unisalute, Previmedical, Pronto Care, Blue Assistance etc.)

3. Secondo il tariffario proposto dall' ANDI (associazione nazionale dentisti italiani) un impianto osteointegrato ha un costo che varia tra i 700 e i 1.250 euro; un impianto a diametro ridotto ha un costo che varia tra i 470 e i 1.250 euro. Secondo l'inchiesta condotta da Altroconsumo in 6 città italiane campione (Bari, Bologna, Torino, Roma, Milano e Napoli) il 58% dei dentisti dell' inchiesta applica un prezzo compreso tra i 1.000 e i 1.300 euro.

Quando un paziente accede ad internet alla ricerca dei prezzi di un impianto o per farsi un’idea sui costi di un intervento di Implantologia dentale, si trova spesso a leggere e confrontare cifre molto discordanti. Sono numerose, fra le altre, le offerte di interventi di Implantologia dentale low cost (letteralmente: basso costo) che attraggono l’attenzione e, a prima vista, risultano davvero allettanti.

L’ Implantologia dentale low cost è però, a nostro avviso, un termine improprio. Un intervento chirurgico nella cavità orale “al risparmio”, o a basso costo, ci pare una promozione commerciale eticamente discutibile. E’ facile mettere qualunque paziente in apprensione. Qualche dubbio è lecito che possa sorgere.

  • Ma sarà vero quello che promettono ?
  • Non ci saranno costi aggiuntivi non dichiarati?
  • Questi studi dentistici avranno la competenza e l’esperienza necessaria?

Alla fine il paziente, attirato dalle pubblicità su internet di impianti con costi tagliati del 50% sia in Italia che all’estero, si trova ad affrontare una scelta che diventa davvero delicata.

Vediamo le variabili che possono incidere sul costo di un impianto. Prima di tutto : un invito a riflettere.

Un intervento di Implantologia dentale, tecnicamente, si discosta molto da un trattamento di odontoiatria conservativa (una otturazione, una devitalizzazione, il posizionamento di un ponte). Fare un intervento di Implantologia vuol dire inserire nell’osso del paziente delle radici artificiali (viti di titanio) che verranno protesizzate (cioè gli si avviteranno sopra delle corone dentali elaborate dai tecnici con materiali specifici).
E’ un intervento chirurgico che richiede una sala specificamente attrezzata ed alle volte è necessaria un’ assistenza anestesiologica ( sedazione cosciente).

LA PIANIFICAZIONE DI UN INTERVENTO DI IMPLANTOLOGIA DENTALE

L'importanza della visita e del bilancio diagnostico per elaborare un piano di trattamento quando il dentista visita un paziente ed effettua una lastra panoramica (ortopantomografia) o una TAC Cone Beam ed alla fine le analizza, legge una storia diversa da paziente a paziente. Per esempio, l’evoluzione di una parodontite (piorrea) può variare molto da caso a caso, come le lesioni cariose (carie) possono variare di gravità. L’anamnesi dello stesso paziente, che aiuta ad evidenziare patologie concomitanti o situazioni di salute particolari, può complicare o rendere l’intervento più lungo o più complesso.

 

  • La Rx panoramica digitale
  • L’indagine radiologica Tac Cone Beam

I tempi ed i costi dell’intervento

Alcuni esempi:

1) Un deficit di osso residuo potrebbe indurre il chirurgo a scegliere di intervenire con un rialzo del seno mascellare ed innesto osseo.

2) Nei casi in cui l’ osso residuo sia molto scarso, potrebbe essere necessaria una pianificazione chirurgica computer guidata, da cui si possano ottenere dime chirurgiche (mascherine) che serviranno per posizionare gli impianti proprio in queste aree di osso, impossibili da individuare con una metodica tradizionale.

3) Quasi sempre, soprattutto negli interventi post-estrattivi, è necessario l’uso di biomateriale per creare un emergenza naturale dei denti avvitati sugli impianti.

Tutte queste situazioni, quindi, richiederanno costi aggiuntivi ed un maggior tempo dedicato al trattamento.
Tutto ciò per ribadire che è difficile, come spesso richiedono i pazienti, fornire in modo preciso dei preventivi ” on line” senza un supporto radiologico ed una visita.

L’importanza della visita clinica e delle aspettative del paziente

La visita clinica  del paziente è fondamentale per conoscere le sue esigenze, le sue aspettative e quindi il tipo di riabilitazione necessaria. E’ un momento importante dove medico-paziente possono interagire e concordare una soluzione che possa essere veramente soddisfacente.

I pazienti, che ci inviano panoramiche e chiedono consigli su una riabilitazione con impianti e relativi costi, dimenticano che per un buon chirurgo implantologo sono necessarie informazioni che solo con una visita clinica si possono ottenere.

Ad esempio:

  • la qualità dei tessuti gengivali
  • la linea gengivale del sorriso del paziente

Se un paziente ha un sorriso gengivale alto (cioè espone molta gengiva quando sorride) il tipo di riabilitazione dovrà curare maggiormente l’aspetto estetico; poiché, in questa specifica situazione, anche piccoli errori chirurgici potrebbero compromettere in modo evidente e permanente l’estetica finale del sorriso.

Curiosità :
uno degli interventi di Implantologia dentale ritenuti più difficili è la sostituzione con un impianto di un incisivo centrale. Infatti il risultato che si dovrebbe ottenere è quello di un dente artificiale di lunghezza e dimensioni identiche a quelle dell’altro incisivo centrale naturale. Se questo non avviene, l’estetica del sorriso del paziente potrebbe essere irrimediabilmente compromessa.

Il tipo di intervento di implantologia dentale : indicazione generali,costi biologici,differenti costi economici

Un intervento di riabilitazione dell’arcata inferiore (mandibola), o superiore (mascella), con una protesi tipo toronto bridge fissa avvitata su 4 impianti ( protocollo tipo All-on-4®, che per definizione è una dentiera senza palato fissata su 4 impianti, dove la fuoriuscita dei denti avviene da una flangia di falsa gengiva artificiale). L’ All-on-4®    è un tipo riabilitazione dentale nata per consentire, soprattutto ai portatori di dentiera o ai pazienti che hanno perso una grande parte dei denti, di beneficiare, in tempi rapidi di una protesi fissa avvitata su soli 4 impianti.senza sottoporsi ad interventi complessi di grosse ricostruzioni ossee medianti innesti ossei prelevati dal cavo orale o da zone extra orali (cresta iliaca, calvaria) quindi un costo biologico minore tramite una tecnica chirurgica meno INVASIVA

Il vantaggio di questa tecnica inoltre riguarda i costi economici che sono inferiori rispetto alle riabilitazioni complesse con ricostruzioni ossee ed implantogia associata é un intervento chirurgico, se pianificato adeguatamente,con software di chirurgia guidata 3d ,di complessità media e rapido da effettuare, a volte con la possibilità di effettuare il carico immediato ( denti fissi in 24 ore) Negli interventi di Implantologia dentale dove il risultato estetico è determinante ( ad esempio nei pazienti, specie giovani, che abbiano dei denti residui da estrarre nell’arcata superiore conservando una parte della propia dentatura), il nostro consiglio è di evitare, per quanto sia possibile, la tecnica   All-on-4®, ma di optare per una chirurgia post-estrattiva mini invasiva o alle terapie ricostruttive osse che permette di fare emergere i denti dalle gengive naturali come la tecnica OnlyOne®.
Questo tipo di intervento di Implantologia dentale richiede una perizia chirurgica di alto livello e delle riabilitazioni protesiche (tipo zirconio-ceramica) molto più costose; è logico che abbia costi differenti dalla tecnica All-on-4® che normalmente prevede delle riabilitazione in resina (tipo dentiere) .

I materiali usati

Il diverso tipo di impianto (ci sono vari tipi di viti di   titanio) varia di prezzo. Vi sono diverse ditte qualificate che producono impianti dentali. E’ chiaro che ognuna può avere per i suoi prodotti tariffe leggermente diverse. Ma, come è facile immaginare, ci possono essere sul mercato anche impianti di qualità scadente con un prezzo adeguato al valore del materiale usato.

Una volta inserito l’impianto, questo deve essere caricato (cioè gli si avvita sopra una corona, del tutto simile ad un dente naturale). Il costo delle corone, può variare a seconda del materiale utilizzato
(resina, composito, ceramica e zirconio sono tra i più diffusi).

Come scegliere e come orientarsi

Se consultate i molteplici siti internet di studi di Implantologia dentale visionate con cura la loro presentazione. E’ fondamentale che vi informiate sul chirurgo implantologo che si occuperà del vostro intervento. Prendete visione del suo curriculum: MOLTO IMPORTANTE è IL PERCORSO FORMATIVO DEL CHIRURGO ORALE TRAMITE MASTER e SPECIALIZZAZIONI UNIVERSITARI che garantiscono una qualità formativa DI ECCELLENZA

Diffidate di coloro che vantano migliaia di casi clinici con successi del 100% in implantologia dentale. Anche se l’implantologia è la branca della chirurgia che ha la percentuale più elevata di successi in assoluto, i chirurghi molto esperti e gli studi a lungo termine riportati dalla letteratura scientifica parlano di una percentuale media di insuccessi implantari attestabile su standard inernazionali sul’3/5 a seconda delle aree della bocca.

Se lo studio consultato fornisce un ” listino prezzi”, non cadete nel tranello delle cose non dette (esempio, se la pubblicità afferma che il costo per l’impianto è di soli € 300, attenzione, perché oltre al posizionamento dell’impianto dovrete prevedere il costo aggiuntivo della fase protesica di restauro che sicuramente farà salire … il vostro esborso totale).
Rammentiamo che dopo un intervento di Implantologia dentale il paziente dovrà essere seguito e dovrà sottoporsi a controlli clinici semestrali o annuali per salvaguardare la salute dei suoi impianti.

A questo proposito vorremmo ricordare che l’attenzione dei clinici e dei ricercatori nel campo dell’ Implantologia dentale si sta sempre più rivolgendo ad una nuova patologia: la perimplantite .


La perimplantite è un’infiammazione dei tessuti che supportano gli impianti ed è paragonabile alla parodontite per quanto riguarda i denti.
Questa patologia, di cui non si conoscono esattamente le cause, è sempre più in aumento in seguito al numero sempre maggiore di interventi di implantologia. Per questo motivo è indispensabile che il paziente con impianti dentali si sottoponga a controlli periodici .

Le ultime raccomandazioni:

 

  • Evitate di chiedere preventivi “on line”. Una visita dallo specialista Implantologo chiarirà meglio le vostra situazione clinica ed il tipo di intervento che vi necessita.
  • Documentatevi sulle modalità e le fasi dell’intervento che dovrete affrontare.
  • Siate esigenti e chiari sul tipo di riabilitazione desiderata.
  • Chiedete un preventivo dettagliato del costo totale dell’intervento richiesto.
  • Siate prudenti quando consultate i vari forum dove si narrano le esperienze di persone sconosciute. Oltre alla dubbia veridicità di certi commenti positivi o negativi, vale sempre la regola che ciò che è stato appagante per alcuni, potrebbe non accontentare voi.
  • Se avete dei parenti o stretti conoscenti reduci da un’esperienza di Implantologia dentale raccogliete le loro impressioni.

coNSIDERAZIONI FINALI

Cercate, se potete, di non farne solo una questione di prezzi; vale la pena scegliere con calma un buon professionista a cui affidare la ricerca per qualcosa di importante.

Share by: